MALINCONIA – SOLITUDINE

Autore dell’opera – Donghi Giuseppe
Dimensioni – cm. 50X90
tecnica – colori ad olio su fondo preparato con stucchi e colle speciali.Supporto – Tela Clicca sulle immagini per ingrandirle

DSC_1504 copia

Spazi chiusi intorno a te mia cara donna.
Un luogo dove vi è poco spazio per amare.
Amare per il piacere d’amare ed essere amati.
Un luogo dove ti è difficile volare libera.
Un posto voluto da chi non ha capito nulla di cosa sia la bellezza che porti in te e che rifletti tutt’intorno.
Ti crede sua, comperata come un oggetto da mostrare, come  trofeo vinto in una gara, da esibire, usare al bisogno.

DSC_15043

Mentre tu soffri,  lui ti ignora, ribadisce il suo ruolo di maschio, difende il suo vecchio maniero che sa di storia antica, superata, dove tu sei la sua bambola e lui il soldato, con la spada in mano e l’elmo adornato di bel piumaggio.
Ma tu sei forte, sei donna, non ti piacciono i compromessi.
Il mondo ha bisogno di te, sai che è giunto il tuo momento, sai che il futuro sei tu, sai che solo tu puoi interrompere questa triste ed inesorabile discesa, questo girone infernale.
Ma l’uomo dall’elmo con il folto e bel piumaggio colorato, non  accetta di buon grado la tua superiorità .. perché sa che perderebbe la sua, perché lui deve essere il capobranco.

DSC_15042

Si limita a farti serenate, a donarti un fiore nelle giornate di rito.
Ma tu, in silenzio già soffri, non senti più la sua musica nel cuore ed i fiori sono solo un triste e vuoto rito.
Piangi, fa freddo intorno e dentro te.
Sogni di volare via da chi ti vuole come una bella bambola tutta sua.
Da chi arriva ad ucciderti mentre afferma “sei mia, solo mia” …. e ti uccide per amore .. uccide la sua bella bambolina, la sua donna, la sua conquista.

Un’altra vittima, l’ennesima vittima.

Un altro titolo sui giornali, Altre ore di programmi televisivi a parlar di stupri, di mancata parità di diritti, di percosse, di femminicidio.
Fa freddo in questo mondo dove regna l’indifferenza, dove le parole non contano più nulla, dove non vi è più spazio per i sentimenti, per i valori.
Dove la gente va di fretta come in un vecchio film proiettato sul muro.

DSC_15041

Alzati, meraviglia dell’universo, il soldato ha perso.

DSC_1504 - Copia

Ora è giunto il tempo della regina. Tocca a lei rimettere in pari le lancette dell’orologio della vita.

Donghi Giuseppe

Articolo Letto 9644 volte.

Settima edizione della “Settimana dell’Arte” ABC (Associazione Brenna Cultura)

Cresce ancora … e di nuovo centra l’obiettivo.

Col termine del corso di pittura, si è passati subito ad allestire la “Settimana dell’Arte” . Un appuntamento che è diventato una consuetudine per un pubblico sempre in crescita.

Ogni anno L’Associazione ABC (Brenna Cultura) cerca di offrire valide alternative nel campo culturale, rivolgendosi in particolar modo verso Giovani, Bambini e genitori, di conseguenza, nonni, parenti e tutta la cittadinanza brennese. Perché credo che è in quell’ambito che dobbiamo insistere se vogliamo che questo appuntamento, sia un momento di aggregazione e di provare ad uscire un attimo dalla solita routine quotidiana e magari approfittare delle occasioni proposte per provare a cimentarsi in allegria a fare qualche cosa che avremmo voluto fare da sempre ma che per un motivo o per un altro non siamo riusciti a fare fino ad ora.

IL CORSO DI PITTURA                                   Cliccare sulle immagini per ingrandirle

Giunto al suo 12° anno, è sempre cresciuto di numero, ma la mia soddisfazione massima è vedere i risultati raggiunti, quest’anno gli allievi erano 21,  nel prossimo corso supereremo i 25 allievi provenienti da tutto il circondario oltre ai brennesi .. cercheremo di dare sempre il massimo anche se gli allievi sono tanti, già da ora ho il validissimo aiuto del Maestro Molteni Renato di Erba, con il prossimo appuntamento avrò il piacere di avere un’altra insegnante che seguirà i nuovi arrivi.

Che dire?

Credo che questo corso oramai sia un punto di riferimento nel suo genere visti i commenti ed i risultati.

ALCUNE OPERE DEGLI ALLIEVI ED ALLIEVE DEL CORSO 2013

Posso solo dire che questa mia esperienza oramai trentennale prima a Carugo, poi a Giussano ed ora a Brenna mi ha fatto capire che vi sono molte persone che hanno voglia di Cultura, Arte, e tutto ciò che ci fa guardare oltre la punta delle nostre scarpe e capire che nella vita non è detto che dobbiamo camminare tutti dove la strada è dritta e ben tracciata … ma provare ad inventarci ogni istante per rendere questo viaggio interessante, bello .. perché, non dobbiamo dimenticarci mai che l’Uomo non è nulla senza la cultura.

CONTINUANDO

La  7° edizione della “SETTIMANA DELL’ARTE”   (non sto ad elencare tutto …. in internet si può trovare il programma)

Ad esempio vedi qui

http://www.storiadibrenna.it/blog/?p=937″>http://www.storiadibrenna.it/blog/?p=937

Preferisco documentare il tutto con delle immagini, che credo diano immediatamente l’idea di ciò che è avvenuto.

LABORATORIO  “IL RITMO” per bambini ed adolescenti, a cura di Ivo Dicioccio.

 

LEGGISTORIE pomeridiano per bambini ed adolescenti, a cura di Gianni Trezzi

LEGGISTORIE serale per adulti, a cura di Gianni Trezzi

LEZIONE INTERATTIVA SULLA DISOSTRUZIONE PEDIATRICA DELLE VIE AEREE, a cura di Anna Ziccardi e – CRI – Croce Rossa di Cantù –

LABORATORIO DI PITTURA per bambini ed adolescenti “ DIPINGIAMO SUI SASSI” a cura di Donghi Giuseppe

httpv://www.youtube.com/watch?v=vUXPfFtN7yk&feature=c4-overview&list=UUvRw7uAFbLTyFefu6AQNryw

 

GRUPPO MERLETTAIE BRENNA 

VARIE

Posso solo aggiungere che tutto è andato magnificamente bene, è venuta parecchia gente a trovarci un po’ da ovunque e questo mi da la forza di insistere nel proporre nuove idee e cercare di mandare avanti questo meraviglioso gruppo che mi circonda con grande passione e voglia di fare.

Per questo voglio ringraziare tutti gli allievi, i genitori che ci hanno affidato i bimbi negli spazi dedicati a loro ( quest’anno siete stati tantissimi, giunti anche dalle scuole di altri paesi).

Le mamme ed i papà che hanno fatto da Staff, che si sono date da fare per preparare dolci, torte, pizze per le merende .. insomma non finirò mai di ripetere che sono circondato da un folto gruppo di belle persone. Citarvi tutti per nome verrebbe un elenco lunghissimo per cui grazie a tutti, grazie perché so che avete dato tutto quello che vi era possibile dare. Un abbraccio a tutti.

Per finire MA NON PER ULTIME .. vorrei dire grazie anche alle nostre consociate “Merlettaie di Brenna” che oltre a mettersi a disposizione per chiunque volesse provare per la prima volta o ritornare ad arricchirsi con l’Arte del Merletto, hanno anche esposto una preziosissima collezione di merletti di valore inestimabile prestati per l’occasione da privati, che esposti insieme ai dipinti dei Maestri Donghi e Molteni ed a tutti quelli degli allievi del corso di pittura hanno fatto si che la mostra quest’anno era davvero ad altissimo livello e molto apprezzata..

Ora il loro lavoro prosegue fino a tutto luglio con la scuola di pizzo per Ragazze e ragazzi e già vi sono un buon numero di iscritti.

ABC con questo evento a fine luglio chiuderà per la pausa estiva … pensando già ai nuovi progetti per l’autunno, il mercatino di Natale in piazza ed il programma del prossimo anno che inizierà subito a gennaio con il corso di pittura ecc. ecc..

L’Associazione ringrazia Il Comune di Brenna per la collaborazione.

BCC Cassa Rurale ed Artigiana di Cantù – Filiale di Brenna, per il contributo.

Donghi Giuseppe – Presidente ABC

Articolo Letto 3104 volte.

L’OBLIO DELLA RAGIONE

Da un po’ di tempo mi frulla in testa una domanda: “ma l’Italia è ancora il Bel Paese?”.

Semplicemente perché girando e rigirando in lungo ed in largo la nostra Italia, io la vedo sempre più brutta. Incuria, caos, dissesto geologico, il suo espandersi senza una logica pensando al futuro. Esattamente al contrario di ciò che hanno fatto i nostri predecessori fino a pochissimi anni fa, consegnandoci un patrimonio artistico, culturale, paesaggistico di immensa bellezza .. tanto che tutto il mondo ce lo invidia.

E noi cosa facciamo? Lo lasciamo alla decadenza più becera che si possa immaginare, e questo è solo un punto di questa discussione. Potremmo parlare per dei mesi di quel filo che si è rotto improvvisamente fra l’uso della ragione ed il mero vantaggio del Dio denaro, dello spregevole comportamento di questa politica che si nutre di interessi privati a sfavore del bene comune.

Ciò che più mi colpisce girando per l’Italia è la sua spregiudicata cementificazione senza senso, ogni prato può essere cementificato, e se non lo è ora, lo sarà magari con la prossima legislatura, con la prossima giunta comunale che andrà a gestire il territorio locale.

PERCHE’ PARLARE DI CEMENTIFICAZIONE SU DI UN BLOG CHE NASCE ESCLUSIVAMENTE PER PARLARE DI ARTE E DI CULTURA?

Semplice, perché parlare del bello, nel senso più ampio del termine è parlare di CULTURA.

Dove è finita l’armonia delle città, dei paesi che si integravano con il paesaggio tipico della zona?

Dove è finita la campagna? Dove è finito il buon gusto di costruire case belle, monumenti, opere d’arte?

Perché non molti anni fa quando una nuova casa arrivava al tetto i muratori issavano la bandiera italiana su di esso? Semplice, perché una famiglia finalmente era riuscita dopo tanti sacrifici a costruirsi  una casetta ove abitarci in modo più decoroso, di fatto si costruiva solo per bisogno.

OGGI sarebbe bello vedere tante bandiere al posto di ogni casa o capannone abbattuto  … che ha invaso, depauperato inutilmente e per sempre a macchia di leopardo tutto il territorio Italiano a solo scopo speculativo o fonte di facile investimento tanto da farmi pensare che gli imprenditori .. gli immobiliaristi, gli Italiani tutti, siano convinti che l’unica risorsa – ricchezza  .. in Italia sia il costruire case, capannoni, strade e le così impropriamente dette grandi opere che quasi sempre servono per ulteriore espansione del cemento … se così fosse ( come in effetti sembra) il titolo di questa chiacchierata L’OBLIO DELLA RAGIONE calza perfettamente.

A questo punto viene da chiedersi MA LA COLPA DI TUTTO CIO’ DI CHI E’?

Già di chi è la colpa?   SEMPLICE, eccola!

httpv://www.youtube.com/watch?v=9cP_ZaIJ_c4&list=UUvRw7uAFbLTyFefu6AQNryw&index=4

 

Eppure la COSTITUZIONE ITALIANA parla chiaro … ma i governi che si sono succeduti in questi ultimi anni hanno continuato con decreti legge, scappatoie di ogni genere, postille varie, dimezzato  personale, soldi, tempo fisico per intervenire, (da 90 a 45 giorni) a coloro (soprintendenza) che sono addetti al controllo dei beni culturali (patrimonio di tutti i cittadini paesaggio compreso) fino ad

arrivare al silenzio assenso .. ulteriormente degenerato dal Sig. Monti … introducendone una nuova versione: il silenzio-abdicazione. Si demanda di fatto ogni decisione ai Comuni che dappertutto, con un sottobosco di deleghe e subdeleghe, gestiscono il territorio in funzione di manovre elettorali e degli interessi dei costruttori.  (Di Salvatore Settis   .. Da La Repubblica del 21/10/2012.).

http://triskel182.wordpress.com/2012/10/21/ambiente-i-falsi-difensori-del-paesaggio-che-violano-la-costituzionesalvatore-settis/

 

 httpv://www.youtube.com/watch?v=i74ZqTWXcb0&list=UUvRw7uAFbLTyFefu6AQNryw&index=1

LA COSTITUZIONE afferma:

«La Repubblica promuove lo sviluppo della cultura e la ricerca scientifica e tecnica.

Tutela il paesaggio e il patrimonio storico e artistico della Nazione» (art. 9 ).

La Costituzione è ancora vigente, così come è stata scritta ..ed allora come si è arrivati con decreti, decretini, postille e trucchi da palcoscenico a questa situazione?

Come ci si pone davanti a questo dilemma? La Costituzione è compatibile con gli scempi criminali dettati della falsa economia? Se non lo è  come si risolve questo procedimento irresponsabile ed ottuso? Archiviando la Costituzione, oppure agendo su questa politica che politica non è, o su questo modello aberrante di economia?.

httpv://www.youtube.com/watch?v=uJVb-Ax5Vpc&list=UUvRw7uAFbLTyFefu6AQNryw&index=2

L’Italia è quasi arrivata al punto di non ritorno, nessun paese europeo cementifica e lascia al suo destino la maggior parte dei beni culturali, architettonici, archeologici e paesaggistici quanto noi .. non si investe sulla scuola, sulla famiglia, sul sociale, si fanno tagli su tutto, però per risollevare il paese bisogna consumare, produrre, costruire, costruire per chi se in Italia siamo sempre circa 60.000.000 di abitanti? …. MA CHI CREDE ANCORA ALLA BEFANA?

Eppure tutto ciò è possibile perché la colpa è anche del cittadino che crede ancora nelle promesse elettorali, si diverte a guardare in TV le commedie tragicomiche dei nostri politicanti, si disinteressa sperando che la “cosa” qualcuno la risolva.

Si vive con la convinzione che nulla si possa fare .. che tanto è inutile perché faranno sempre quello che vogliono o che vuole il mercato e non i nostri veri bisogni.

Questo modo di pensare non fa altro che agevolare questo sistema  ed è MIA convinzione che chi cresce nella merda, alla fine non sente più neanche l’odore .. e mi rivolgo alle nuove generazioni perché saranno loro a vivere questo futuro “ Non arrendetevi, non abituatevi al degrado .. perché esso lentamente si insinua nelle nostre abitudini, rende apatici ed insensibili, tende a massificare tutto, a togliere la voglia di trovare nuove vie di sviluppo possibile, senza arrivare a consumare  l’ultimo lembo di terra ancora libero …. E mentre l’aria diventa sempre più irrespirabile non dimentichiamoci la nostra storia, fatta di ingegno, cultura, arte, laboriosità, il tutto in un territorio fra i più belli al mondo.

Basta con questo tipo di politica … occorre una forte ribellione di massa. Bisogna voltare pagina, serve una rivoluzione culturale, un nuovo rinascimento.

http://www.youtube.com/watch?v=grJNlxQsqtE

 

Purtroppo io non credo che l’Italia ce la possa fare.    (forse …. in un futuro ancora lontano)

Ho partecipato a molti dibattiti su questo argomento fra il pubblico e come relatore, ma purtroppo solo in rari casi ho visto una larga partecipazione di cittadini pur in presenza di personaggi di fama nazionale e mondiale … anche nel nostro piccolo Paesello abbiamo tentato di coinvolgere i cittadini, i sindaci dei comuni limitrofi, politici a livello regionale … ma con che partecipazione da parte dei compaesani e non? Eppure il tema riguardava il nostro territorio, lo scempio compiuto e quello ancora in atto … nonostante ciò, sembra che non interessi a nessuno.

Ora siamo di nuovo in campagna elettorale … ma nonostante poco tempo fa erano tutti concordi che in Italia bisogna rilanciare il turismo, risanare il territorio, preservare l’arte ed il paesaggio, qualcuno ha sentito PARLARE DI TUTTO CIO’ nei programmi elettorali dei vari schieramenti politici?

Tutta questa irresponsabilità mi ha portato a NON credere più nella nostra politica, nelle varie istituzioni, in una buona parte del popolo italiano da nord a sud senza nessuna distinzione.

(ovviamente sono esclusi da questa mia convinzione gli onesti e tutti coloro che, con grande impegno e rettitudine portano avanti le loro battaglie a favore del bene pubblico)

Quindi a malincuore faccio un passo di lato ed esco da questo coro stonato, senza però smettere di cantare, dedicandomi alla vita, alla mia Arte ed all’Arte in generale, alla Cultura, a questo argomento sopracitato ma solo in ambienti in cui la Ragione ha ancora il suo peso, sempre comunque pronto ad una rivoluzione culturale di massa.

Donghi Giuseppe

Articolo Letto 2874 volte.

– Il valore nelle orme del cuore – il libro di MARIA LAMPA –

vlcsnap-2014-08-03-04h50m45s199

La scrittrice Maria Lampa  ha espresso il desiderio che fossi io a realizzare il video che presenti con immagini ed elaborazioni mie, il suo libro dal titolo IL VALORE NELLE ORME DEL CUORE  edito da  CASA EDITRICE MARCELLI di Ancona

IL VIDEO  E’ PUBBLICATO NELLA SEZIONE  VIDEO E FOTOGRAFIA

Clicca sul link o direttamente dal tasto  sezione > VIDEO o FOTOGRAFIA sulla ome page del mio Blog.

 

https://www.youtube.com/watch?v=D0wUDJwmpOk&list=UUvRw7uAFbLTyFefu6AQNryw

http://www.youtube.com/watch?v=D0wUDJwmpOk

Articolo Letto 2169 volte.

CORSO DI PITTURA – a Brenna CO –

LOGO RIDOTTO 1500x1377 Corso di PitturaMartedi’ 8 Gennaio Inizia il CORSO DI PITTURA del Maestro DONGHI GIUSEPPE, con il validissimo aiuto del Pittore ed amico MOLTENI RENATO. Il Corso si protrarra’ tutti i martedì dalle ore 21 alle 23 … 23/45 (per gli allievi che vogliono rimanere).

SE QUALCUNO VOLESSE PARTECIPARE ABBIAMO UNO / “DUE” POSTI A DISPOSIZIONE. Per chi è interessato  info@donghigiuseppe.itfbook 1 - Copia copia

( ovviamente per l’eventuale partecipazione vale la data della mail ).

LE ISCRIZIONI SONO CHIUSE in data 5 Gennaio 2013 …  BENVENUTI AI NUOVI ISCRITTI

Donghi Giuseppe

Articolo Letto 1644 volte.

Donghi Giuseppe a Castelfidardo -AN-

DONGHI GIUSEPPE a  Castelfidardo -AN-   Ottobre 2012

Domenica su RAI 3 Regionale delle Marche  –  AGORADIO La radio che ti ascolta FM 93.100  –  Rivista ML Mondo Lavoro.

Cliccare sulle foto  per ingrandirle

 

   IMG_5809RIDOTTA 587 RIDOTTA 362 RIDOTTA 161  IMG_6404 IMG_6396                                                                          

httpv://www.youtube.com/watch?v=MgCaNxmWiZw&list=UUvRw7uAFbLTyFefu6AQNryw&index=1&feature=plcp

TVRS Intervista DONGHI GIUSEPPE ed i vari relatori intervenuti alla manifestazione INCONTRIAMOCI TRA LE RIGHE Ideata dalla scrittrice Maria Lampa – Castelfidardo AN  Ottobre 20112

 

RELATORI:

  • GIANCARLO  TRAPANESE   (Vicecaporedattore RAI 3 Marche e Scrittore)
  • RICCARDO  RONI  (Docente Università di Urbino)
  • DONGHI  GIUSEPPE  (Pittore)
  • ASMAE  DACHAN   (Giornalista, Scrittrice)
  • MARIA  LAMPA   (Scrittrice)

Oltre a molti interventi culturali faranno da cornice le opere esposte di DONGHI GIUSEPPE  –   PATRIZIA FALCONETTI  –  PAOLA SARACINI

 

 

httpv://www.whymarche.com/blog/2012/10/17/incontriamoci-tra-le-righe/

httpv://www.youtube.com/watch?v=M5k9fa7K5mc&list=UUvRw7uAFbLTyFefu6AQNryw&index=3&feature=plcp

Prima parte.

httpv://www.youtube.com/watch?v=xnMaYesVKy4&list=UUvRw7uAFbLTyFefu6AQNryw&index=2&feature=plcp

Seconda parte.

httpv://www.youtube.com/watch?v=GQy4oMA4444&list=UUvRw7uAFbLTyFefu6AQNryw

Terza e ultima parte.

 

Articolo Letto 3971 volte.

Maria Lampa (Scrittrice – Castelfidardo AN) Intervista Donghi Giuseppe

Intervista a GIUSEPPE DONGHI a cura di Maria Lampa

5 ottobre 2012 | Autore admin

Breve biografia

Nato a Inverigo (CO) il 22-1-1950.

Dipinge da sempre e a 17 anni organizza la prima mostra personale.

Incontra il maestro Federico Von Rieger e diventa suo allievo.

Realizza moltissime mostre in Italia e all’estero, partecipa a numerosi concorsi ottenendo primi premi, riconoscimenti e prestigiose recensioni.

Fonda insieme ad altri pittori il gruppo “Arte Brianza”.

Insegna in una sua scuola di pittura e collabora con diverse scuole organizzando progetti inerenti l’Arte pittorica.

E’ Presidente di ABC (Associazione Brenna Cultura) che promuove manifestazioni

culturali.

Domande:

Lei dipinge di tutto: la natura, le persone, gli oggetti, gli scorci di città e viuzze, gli animali… C’è un soggetto in particolare che prende maggiormente la sua mano e la sua anima?

No, non ho nessun soggetto che mi attragga più di un altro in modo particolare.

La mia è una ricerca interiore che non ha un filo logico, segue le emozioni del momento: un raggio di sole fra le rocce, su di un muro o fra le viuzze, sui volti delle persone, fra le foglie degli alberi, le ombre, i cieli, gli spazi immensi, raccontare

momenti di vita in tanti particolari (intimi, rubati con la mia macchina fotografica) quasi per entrare silenziosamente nella scena tanto da poterla narrare, renderla pubblica…sublime, carica di umana bellezza… ma anche questo non ha regole, ubbidisco alla mia

sensibilità, a ciò che mi colpisce e che mi induce a raccontarlo attraverso l’Arte pittorica.

Dipingere la natura, significa interiorizzarla, trasformarla emotivamente e riproporla su tela… L’emozione che ne esce è identica a quella che ha provato osservando quello stesso particolare della natura o è diversa?

Dipingere la natura significa decantare la sua bellezza o la sua drammaticità.

Nel mio caso non è sempre così, la natura diventa lo sfondo, oppure la complice di un

racconto, re-inventato il mare, il cielo e nel centro di esso un nudo seduto su di una nuvola o nel nulla, a simboleggiare la bellezza in generale.

Mare, cielo e figura umana che si culla in tanta magnificenza traendone gioia e trasmettendoci un messaggio sentimentale profondo come se fosse poesia, un capitolo

di un libro, una canzone.

E’ il mio modo di raccontare e di raccontarmi.

La realtà si miscela con la fantasia ed una semplice margherita può diventare l’inizio, il pretesto di un fantasticare infinito….. Come avviene questo passaggio? È possibile descriverlo, raccontarlo?

Certo che è possibile raccontarlo e descriverlo. Faccio un esempio:

Passo di fronte ad un muro in città, tutto tappezzato di manifesti pubblicitari e osservo quella miriade di colori, di immagini… Mi siedo su una panchina, chiudo gli occhi, annuso gli odori dello smog,

sento il frastuono del traffico, il ciacolare delle persone che mi scorrono vicino, lo stridio dei freni del tram, poi riapro gli occhi e vedo quei palazzi altissimi, che come mostri si arrancano verso il cielo (tu dove abiti? Lassù al 32° piano…ma dov’è? Lassù, non lo vedi? Si forse…. Ma si sta bene? … eeh si vive!!)…

Vedo tutti che corrono …  poi te lo dico…. Ora non ho tempo!!!  Non c’è mai tempo!

Ecco tutto questo ed altro ancora, sono la scena necessaria … ed il “passaggio” obbligatorio per descrivere e tentare di ritrasmettere allo spettatore che si porrà in seguito, di fronte al mio prossimo “racconto pittorico”.

Lei è anche un abile e bravissimo fotografo che coglie i particolari, i dettagli di una realtà concreta e le sue foto dimostrano una adorazione, una contemplazione della natura stessa.

Quale la differente emozione di fronte ad una foto che riproduce l’esatta realtà?

Nessuna differenza emozionale. Siamo di fronte a due modi diversi di fare Arte, che entrambi propongono un racconto attraverso le immagini.

E’ scorretto pensare che la fotografia sia sempre l’esatta riproduzione della realtà oggettiva. Nella fotografia disponiamo di un mezzo meccanico ed elettronico, le cui funzioni ci permettono di intervenire in diversi modi nella realizzazione dell’immagine.

E’ vero, alla fine ci occorre solo un diaframma, uno o più obiettivi e dei tempi diversi di esposizione…. Ma se si conoscono le tecniche, con questi mezzi si può trasformare la realtà a nostro piacere ….  ritrarla il più fedele possibile fino ad arrivare ad immagini astratte….. esattamente come avviene in pittura.

Se dietro la macchina fotografica o seduto al cavalletto davanti una tela…vi è un Artista

tutto è possibile.

La foto o il dipinto sono l’anima, la penna che un Artista usa per descrivere la propria interiorità, le sue passioni, l’abilità di saper cogliere e trasmettere emozioni.

Dipingere un quadro è fare un viaggio attraverso le emozioni che si concretizzano con il colore…

Lei sceglie sempre i suoi viaggi a priori o lascia che il colore, i pennelli e la tela permettono l’uscita all’esterno del viaggio interiore?

Quasi sempre ogni mio dipinto

ha una trama, che può nascere in modo casuale, da un’idea improvvisa o da una scena inaspettata, che ti colpisce al punto tale da doverla fissare sulla tela o prendere quello spunto per farne una metafora per trasportarci in altri luoghi, ricordi, sensazioni, profumi, amori, interiorità.

Sovente scelgo la scena, la trama come se fosse un racconto teatrale, che sviluppandosi, ci rivela intrighi, sensazioni, emozioni personali, così come fa lo scrittore con la sua penna.

Oltre all’immagine, cosa rimane della sua vita sulla tela?

Tutto! L’immagine è il racconto della mia vita, le mie passioni, l’amore, le debolezze, le ansie, le paure e le gioie. Tutto ciò nasce dentro di me, bolle come la lava dentro un

vulcano fino a che si manifesta all’esterno attraverso le capacità artistiche.

Ogni Artista serio, consapevolmente o inconsapevolmente racconta la propria vita.

I commenti, le domande, le espressioni e lo scambio di impressioni con i tanti visitatori cosa la portano a pensare? Che non esiste una realtà, ma tante realtà quanti sono gli occhi delle persone che osservano?

Certo. L’artista racconta le proprie impressioni attraverso le immagini.

Ma ogni visitatore viene colpito in modo diverso dalle immagini, dalle tinte, le collega alle sue emozioni, a momenti della propria vita ed ecco allora che il dipinto vive attraverso mille storie simili, ma anche opposte e tutto questo è meraviglioso.

Una immagine che entra dentro di noi e vive attraverso migliaia di occhi e situazioni diverse… ritengo che questa sia l’apoteosi di un’opera d’arte.

Nell’insegnare a dipingere ai ragazzi, quali suggerimenti dà, che ritiene fondamentali per dimostrare la propria arte?

Semplicemente di essere se stessi, di non copiare ciò che vedono in televisione, ma di raccontare i propri sogni ed i propri desideri, dipingere la giornata appena trascorsa,imparare ad osservare, capire ciò che abbiamo di fronte, il contesto in cui viviamo, la vita che ci circonda…

Poi si passa al lato tecnico dell’Arte pittorica di cui non se ne può fare a meno, serve per potersi esprimere in piena libertà e con sicurezza e questo vale per i più piccoli ma anche per i grandi.

Il suo più grande sogno nel cassetto?

Questa domanda è ricorrente e la mia risposta sempre la stessa.

E non è una frase fatta oppure un modo teatrale per rispondere: è la pura verità. Il mio sogno è oggi!

…beh forse uno c’è… Speriamo duri!

 

 

Come completerebbe questa frase: da domani vorrei che nel mondo ci fosse…

Più armonia, umiltà e semplicità.

http://www.confrontiamocitralerighe.it/?p=426       Cliccare sulle immagini per ingrandirle

Articolo Letto 2054 volte.

RACCONTANDO-MI

Iniziando dunque a raccontarmi e lasciando alle spalle il mio vecchio sito (che comunque rimane), ho scelto di pubblicare questa bella intervista a cura di Asmae Dachan Caporedattrice della rivista ML mondo lavoro .

Un’intervista molto confidenziale, sincera, senza filtri, il cui riassunto è racchiuso in queste quattro pagine in modo perfetto.

Ben vengano Giornalisti e riviste che ancora trovano adeguati spazi per l’Arte e la Cultura, rincorrendo personaggi e manifestazioni di ogni tipo legate alle nostre tradizioni più belle, al territorio, al mondo del lavoro, alla nostra quotidianità.

Buona lettura Donghi Giuseppe

Cliccare sulle immagini per ingrandirle

IMG_6853 -OK RIDOTTA 1850x1226 - Copia

 

IMG_6866 - OK RIDOTTA 1850x1227 - Copia

/

63113_502731169745141_1351726779_nML mondo lavoro logohttp://www.donghigiuseppe.it/

 

Articolo Letto 1338 volte.