LA SIRENA

Autore Donghi GiuseppeTitoloLa Sirena
Tecnica mista – Acrilico e OlioSupportoTela DimensioniCm. 50 X 80

….. E mi distesi sui levigati scogli davanti al mare.
La faccia rivolta a guardare il cielo blu e quelle nuvole vaganti e mutanti.
Poi chiusi gli occhi coccolato dal tiepido sole primaverile.
Sentivo il canto dei gabbiani, la brezza che mi accarezzava il viso, il brontolare delle onde del mare che si spegnevano lente una dopo l’altra tra gli anfratti della rocciosa riva.
La brezza, il tepore, il canto ed il brontolio del mare pian piano entrarono in me come dolce melodia.

Fui rapito da tanta armonia che la mente e l’animo mio si persero nell’infinito.
Mi ritrovai a volare leggero come una foglia nel vento, come un gabbiano che sfiora le onde e poi sale e vola via lontano.
Vedevo fuori e dentro me, libero senza la zavorra che ci tiene legati alla terra.
Incontrai il sole, il vento, il blu del cielo ed accarezzai le nuvole e poi giù fino a tuffarmi nel mare e lasciarmi cullare dolcemente come fa una mamma col suo piccolo.

Poi scesi nel profondo del mare ad incontrare i pesci ed i coralli ed una Sirena che prendendomi per mano mi mostrò tutte le meraviglie che stanno sotto le onde ed il blu del cielo.

La Sirena sapeva che non poteva trattenere il mio animo libero là dove non vi è brezza ne tepore del sole e con un lieve sorriso mi insegnò la via per ritornare sui levigati scogli davanti al mare ad incontrare l’amor mio.  Testo e Opera di Donghi Giuseppe

Donghi Giuseppe

 

Articolo Letto 10067 volte.